28 maggio 2012

La vera ricetta della torta caprese - terza parte

7 commenti:

  1. ...il delizioso aroma di grasso bruciato è lo stesso che è uscito dal mio micronde quando ci ho scaldato il pane.... 4 giorni di puzza infernale!! La n°1 ha da imparare!!!
    PS: un consiglio dal corso di pasticceria: quando si imburra uno stampo per la torta, non usare la farina che in cottura si brucia e da un sapore amaro, ma dello zucchero :-)

    RispondiElimina
  2. La Ucci con 6 braccia, versione DEA KALI' è una meraviglia...
    Per la cronaca, io sto seguendo passo passo la ricetta della Numero Uno e... vi dirò... per ora non sembra così male!!!!! ^__^

    RispondiElimina
  3. Roberta, non avevo mai sentito questa cosa dello zucchero. E anche se io sono una fan della poco ortodossa carta forno, alla prossima torta che faccio proverò la tecnica!
    Aladel, tu si che sei una buongustaia :-)

    RispondiElimina
  4. lo ammetto ho saltato a piè pari la ricetta originale per leggere solo quella della numero uno...si lo so sono una persona cattiva.

    RispondiElimina
  5. Lukino, questo è proprio amore! :-)

    RispondiElimina
  6. E' gia' ...e' così maledettamente creativa la ricetta della Numero Uno, che adesso non posso fare a meno di sognare il tuo prossimo post! Lavoro ingrato quello di strizzare l'olio dagli straccetti!
    Attendo sviluppi. Un bacione, Pat

    RispondiElimina
  7. Patty, in effetti la Numero Uno avrebbe potuto schiavizzare qualche altra pippiolina, per farlo :-P

    RispondiElimina